<-- Accesso per gli Associati UNAI

Lun - Ven 9:00 - 13:30 / 14:30 - 18:00 - Tel. 06.4441076 - 06.4457287 - info@unai.it

Lun - Ven 9:00 - 13:30 / 14:30 - 18:00 - Tel. 06.4441076 - 06.4457287 - info@unai.it

<-- Accesso per gli Associati UNAI

Benvenuto! Si prega di effettuare la log in...

Rinnova la quota associativa
Locazioni
LE LOCAZIONI ABITATIVE
E COMMERCIALI

Corso Tecnico Pratico
Corso amm.ne condominio
Corso Iniziale per Amministratore di Condominio

10 Giugno 2022
Esperti
I migliori esperti della materia condominiale

Dal 1968, al Tuo servizio
Convegno 18 Febbraio 2022 - Roma
Convegno 18 Febbraio - Roma

Ascolta la registrazione, diventa nostro amico
Tesseramento
Tesseramento 2022

Vivi questo 2022 da Amministratore UNAI
lezione presidente
A lezione con il Presidente

Docente di “Diritto immobiliare internazionale comparato
condominiale” italiano c/o LUSSTIG U.P
Business
L'associazione che ti aiuta a fare business

Stage di approfondimento gratuiti
Sindacato
Il Sindacato UNAI

Il primo sindacato d'Italia
per gli amministratori di condominio
Amicizia
Il gruppo si fonda sull’amicizia e la stima reciproca

Dove i “dirigenti” si considerano colleghi
Associazione
L'Associazione UNAI

Dal 1968 l'orgoglio elitario della professionalità
previous arrow
next arrow
Corso Locazioni
LE LOCAZIONI ABITATIVE E COMMERCIALI

Corso Tecnico Pratico
Corso amm.re condominio
Corso Iniziale per Amministratore di Condominio

10 Giugno 2022
Esperti
I migliori esperti della materia condominiale

Dal 1968, al Tuo servizio
Convegno 18 Febbraio - Roma
Convegno 18 Febbraio 2022 - Roma

Ascolta la registrazione, diventa nostro amico
Tesseramento
Tesseramento 2022

Vivi questo 2022 da Amministratore UNAI
lezione presidente
A lezione con il Presidente

Docente di “Diritto immobiliare internazionale comparato
condominiale” italiano c/o LUSSTIG U.P
Business
L'associazione che ti aiuta a fare business

Stage di approfondimento gratuiti
Sindacato
Il Sindacato UNAI

Il primo sindacato d'Italia
per gli amministratori di condominio
Amicizia
Il gruppo si fonda sull’amicizia e la stima reciproca

Dove i “dirigenti” si considerano colleghi
Associazione
L'Associazione UNAI

Dal 1968 l'orgoglio elitario della professionalità
previous arrow
next arrow
AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO UNAI: LA SODDISFAZIONE DI ESSERE I PRIMI

UNAI è la più antica associazione nazionale di amministratori di condominio costituita in Italia...

Leggi tutto

Si è costituita in Roma il 19 febbraio 1968 con il marchio URAI (Unione Romana Amministratori Immobiliari) con l'intento di aggregare le realtà professionali di categoria operanti su Roma e nella provincia; successivamente, con atto notarile del 23 dicembre 1993 adottava il marchio UNAI e codificava la sua evoluzione a livello nazionale.

La sede legale è a Roma, presso la Segreteria Nazionale.

La data di nascita non è l’unico primato che UNAI può vantare nell’ambito della categoria degli amministratori di condominio! Con decreto sottoscritto dall’on. Angelino Alfano, Ministero della Giustizia, in data 4 ottobre 2010, UNAI è stata la prima associazione della categoria “annotata” nel “registro” istituito, presso lo stesso Ministero, in attuazione de Decreto Legislativo 2006/07, art. 26.

Tale articolo, in particolare, si prefigge di individuare quelle associazioni che, in mancanza di un albo o collegio specifico, hanno i requisiti per rappresentare la categoria professionale, nelle Piattaforme Comuni, previste dalla Direttiva 2005/36/CE.

La caratteristica peculiare di UNAI è la sua connotazione sindacale, abilitata alla rappresentatività della categoria a livello nazionale e nelle contrattazioni sindacali. E’ stata la prima organizzazione nazionale degli amministratori di condominio ad ottenere la qualifica di “associazione massimamente rappresentativa a livello nazionale” ed è sottoscrittrice di un CCNL per i dipendenti dello studio degli amministratori e di un Accordo Quadro per i corrispettivi dovuti all’amministratore per la gestione di Condomini e Immobili in mono o multi proprietà.

La garanzia del giusto compenso, di una adeguata tutela e rappresentanza nelle sedi istituzionali e la garanzia di poter contare sull’aiuto e l’assistenza dell’associazione in ogni città italiana sono il nostro fiore all’occhiello.

L’amministratore UNAI: un professionista, dalla formazione poliedrica e multidisciplinare, cosciente di far parte di una squadra vincente. Visita la sezione dedicata alla formazione professionale dove potrai acquisire tutte le informazioni necessarie per frequentare il corso per amministratore di condominio.

AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO UNAI

LA SODDISFAZIONE DI ESSERE I PRIMI

L'ASSOCIAZIONE

UNAI è la più antica associazione nazionale di amministratori di condominio costituita in Italia. Fondata a Roma il 19 febbraio 1968 con il marchio URAI (Unione Romana Amministratori Immobiliari) con l'intento di aggregare le realtà professionali di categoria operanti su Roma e nella provincia; successivamente, con atto notarile del 23 dicembre 1993 adottava il marchio UNAI e codificava la sua evoluzione a livello nazionale.

La sede legale è a Roma, presso la Segreteria Nazionale.
La data di nascita non è l’unico primato che UNAI può vantare nell’ambito della categoria degli amministratori di condominio! Con decreto sottoscritto dall’on. Angelino Alfano, Ministero della Giustizia, in data 4 ottobre 2010, UNAI è stata la prima associazione della categoria “annotata” nel “registro” istituito, presso lo stesso Ministero, in attuazione de Decreto Legislativo 2006/07, art. 26.

Tale articolo, in particolare, si prefigge di individuare quelle associazioni che, in mancanza di un albo o collegio specifico, hanno i requisiti per rappresentare la categoria professionale, nelle Piattaforme Comuni, previste dalla Direttiva 2005/36/CE.

LA FORMAZIONE

La formazione UNAI è da sempre sinonimo di qualità, professionalità e competenza.
La caratteristica peculiare di UNAI è la sua connotazione sindacale, abilitata alla rappresentatività della categoria a livello nazionale e nelle contrattazioni sindacali.

E’ stata la prima organizzazione nazionale degli amministratori di condominio ad ottenere la qualifica di “associazione massimamente rappresentativa a livello nazionale” ed è sottoscrittrice di un CCNL per i dipendenti dello studio degli amministratori e di un Accordo Quadro per i corrispettivi dovuti all’amministratore per la gestione di Condomini e Immobili in mono o multi proprietà.


VAI AI CORSI

LA FIGURA PROFESSIONALE

La garanzia del giusto compenso, di una adeguata tutela e rappresentanza nelle sedi istituzionali e la garanzia di poter contare sull’aiuto e l’assistenza dell’associazione in ogni città italiana sono il nostro fiore all’occhiello.

L’amministratore UNAI: un professionista, dalla formazione poliedrica e multidisciplinare, cosciente di far parte di una squadra vincente. Visita la sezione dedicata alla formazione professionale dove potrai acquisire tutte le informazioni necessarie per frequentare il corso per amministratore di condominio.

ULTIME NOTIZIE

Alghero 23 aprile 2022

Alghero 23 aprile 2022

UNAI ad Alghero: tutti i dubbi sul superbonus

di Saverio Fossati

 

 

Si è svolto ad Alghero il 23 aprile il convegno in presenza e a distanza organizzato da Unai in collaborazione con Il Sole 24 Ore e dedicato al Superbonus del 110%. Nella mattinata, dopo i saluti del presidente nazionale Rosario Calabrese, regionale Carlo Giuseppe Satta e del dirigente provinciale (Sassari) Alessandro Pippìa, si sono alternate le relazioni degli esperti: Francesco Ruggeri (ufficio consulenze fiscali della Direzione regionale delle Entrate della Sardegna), Enrico Genova (dipartimento unità efficienza energetica dell’Enea) e Roberto Triola, ex presidente della II sezione della Cassazione.

Ruggeri ha riassunto tutti gli adempimenti fiscali necessari (per le slide cliccare qui ) mentre Genova ha richiamato l’attenzione sui requisiti tecnici degli interventi, sui tecnici abilitati a produrre le asseverazioni e sul meccanismo dei controlli (per il portale con tutte le informazioni cliccare qui ).

Triola ha affrontato alcuni dei numerosi punti dubbi sul tappeto. Anzitutto quello, mai chiarito, è quello del condominio con due soli partecipanti: è chiaro, spiega Triola, che se le quote sono uguali la maggioranza sarebbe raggiunta se in assemblea ne venisse uno solo, mentre se fossero presenti ambedue si assisterebbe a un impasse totale.

Se poi l’assemblea approva lavori inidonei a raggiungere il requisiti richiesti, in questo caso dovrebbe trattarsi di delibera nulla per impossibilità dell’oggetto. Inoltre, ha ricordato Triola, sussiste il diritto di asssenti o dissenzienti in caso sia accertata la mancata sussistenza dei requititi e il beneficio venga poi revocato: il condominio convenuto potrà invocare solo l’indebito arriccchimento per limitare il rimborso.

Poi c’è la questione della riduzione della superficie dei balconi dopo l’apposizione dei pannelli del cappotto termico. Se si dovesse aderire alla tessi della ricerca del consenso dei condòmini difficilmente si arriverebbe a una soluzione. Inoltre anche il suo consenso non sarebbe risolutivo perché occorrerebbe che quei centimetri divenissero di proprietà del condominio: nella delibera il condomino cede la sa superficie ma tutti i condòmini devono accettare questa cessione. Infine, ha concluso Triola, ci sono problemi di legittimità costituzionale circa la violazione della proprietà privata, espropriata dal condominio. Alla fine potrebbe essere lecita l’apposizione dei pannelli ma il proprietario dovrebbe essere indennizzato in virtù della “responsabilità per atto lecito”, considerando anche il precedente di Cassazione su un intervento attuato per evitare una frana pericolosa per tutti ma con perdita di un fetta di proprietà privata.

 

Fonte: https://www.quotidianocondominio.ilsole24ore.com/art/il-condominio/2022-04-23/unai-ad-alghero-tutti-dubbi-superbonus-121716.php?uuid=AEdFkwTB

Formazione UNAI 25 e 26 marzo 2022

Formazione UNAI 25 e 26 marzo 2022

Torniamo a sorridere. Torniamo in presenza
 
La formazione UNAI aperta agli Amministratori di Condominio valida ai fini dell'aggiornamento obbligatorio ai sensi del DM 140/14, annualità 2021 / 2022
 
Ci vediamo questo fine settimana nelle seguenti città:
BARI 25 Marzo ore 08.30 - 4 Ore Formative
HOTEL PARCO DEI PRINCIPI
Via Vito Vasile (Viale Europa - Aereoporto) - Bari
 
MILANO 25 Marzo ore 09.00 - 4 Ore Formative
HOTEL IBIS MILANO CENTRO
Via Camillo Finocchiaro Aprile, 2 - Milano
 
VITERBO 25 Marzo ore 08.30 - 4 Ore Formative
HOTEL TERME DEI PAPI
Strada Bagni 12 - Viterbo
 
PALERMO 25 Marzo ore 14.30 - 4 Ore Formative
SPORTING CLUB VILLAGE
Viadotto Carlo Pierrer, 3 - Palermo
 
OLBIA 25 Marzo ore 14.30 - 4 Ore Formative
FACOLTA' ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITA' DI SASSARI
C/O Aereoporto di Olbia
 
VENEZIA 25 Marzo ore 14.30 - 4 Ore Formative
AULA MAGNA ISTITUTO BERNA
Via Bissuola, 93 - M estre (VE)
 
ROMA 26 MARZO ore 09.00 - 3 Ore Formative
HOTEL ST. MARTIN
Via San Martino Della Battaglia, 58 - Roma
 
Sei un Associato UNAI ? Prenota su unai.sgapro.it il tuo posto in sala.
 
Sei un amministratore di condominio non ancora iscritto ad UNAI?
Puoi partecipare liberamente prenotando il tuo posto.
 
Contatta la segreteria nazionale per tutte le tue necessità
064441076 /0644587
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Superbonus, dati Enea sulle asseverazioni: superati i 18 miliardi di investimenti a gennaio 2022

Superbonus, dati Enea sulle asseverazioni: superati i 18 miliardi di investimenti a gennaio 2022

Superbonus, dati Enea sulle asseverazioni: superati i 18 miliardi di investimenti a gennaio 2022
di Davide Madeddu (da Quotidiano del Condominio del 03/02/2022)


La fetta più grossa interessa gli edifici condominiali, seguono poi gli edifici unifamiliari e le unità immobiliari funzionalmente indipendenti. E non mancano neppure i castelli. È quanto emerge dal report relativo ai dati, aggiornati al 31 gennaio 2022, sull'utilizzo del superbonus 110% pubblicati sul portale efficienza energetica dell'Enea. Nelle 22 tabelle vengono indicati sia i dati nazionali sia i dati regionali con voci che riguardano il numero delle asseverazioni, il valore assoluto degli investimenti ammessi alla detrazione e i valori assoluti e percentuali dei lavori già completati.

Oltre 100mila asseverazioni
Nel totale nazionale si registrano 107.588 asseverazioni, con un totale di investimenti ammessi a detrazione pari a 18.332.659.040,86 euro, un totale investimenti per lavori conclusi ammessi a detrazione pari a 12.744.692.330,56 e una percentuale lavori realizzati 69,5%. Dall'analisi della tabella emergono poi detrazioni previste a fine lavori per 20.165.924.944,95 euro e detrazioni maturate per lavori conclusi per 14.019.161.563,62, oneri a carico dello stato.

Numeri più contenuti in condominio
Per quanto riguarda gli interventi sui condomìni, il numero di asseverazioni è, complessivamente, pari a 16.348 con una percentuale di edifici pari a 15,2%. Il totale degli investimenti condominiali è pari a 8.812.373.541,61 euro con una percentuale di investimenti pari al 48,1 per cento. Il totale dei lavori condominiali realizzati è pari a 5.612.253.782,71 euro con una percentuale del 63,7%. Negli edifici unifamiliari il numero di asseverazioni è pari a 56.342 con una percentuale pari al 52,4% degli edifici. Il totale degli investimenti è pari a 6.161.206.629,74 euro con una percentuale del 33,6%.

I dati delle unità indipendenti
Per quanto riguarda i lavori in edifici unifamiliari realizzati la cifra è pari a 4.590.366.194,07 euro con una percentuale di lavori realizzati pari al 74,5%. Ci sono poi le unità immobiliari funzionalmente indipendenti che fanno registrare 34.895 asseverazioni (con una percentuale degli edifici pari al 32,4% ). Il totale degli investimenti è pari a 3.357.829.232,76 di euro (con una percentuale del 18,3 per cento). Il totale dei lavori in unità immobiliari indipendenti realizzati (pari al 75,7 per cento) è di 2.541.667.959,98 euro.

Più asseverazioni in Lombardia
Le regioni con il più alto numero di asseverazioni sono la Lombardia con 16.268, seguita dal Veneto con 13.933, poi Lazio e Emilia-Romagna. Sotto la soglia delle mille asseverazioni si registrano il Molise con 620 e la Valle D'Aosta con 620. In Piemonte si registrano due asseverazioni, settore castelli aperti al pubblico, per un totale di 1.186.097,14 euro e importi ammessi a detrazione per lavori realizzati pari a 377.366,19 euro. Nello stesso ambito un'altra asseverazione si registra in Basilicata con un totale di investimenti per 63.539,61 euro e importi ammessi a detrazione per lavori realizzati pari a 27.027,61 euro.

Il maggior numero di investimenti ammessi a detrazione, per quanto riguarda i condomini si registra in Lombardia con un importo pari a 1.489.278.990,37 euro e importi ammessi a detrazione per 1.010.879.352,22. Stesso primato anche per quanto riguarda gli edifici unifamiliari con investimenti ammessi pari a 857.517.482,84 di euro e importi ammessi a detrazione per lavori realizzati pari a 661.853.583,16 euro. Complessivamente l'investimento medio, in ambito condominiale è pari a 539.049,03 euro. L'investimento medio che riguarda, invece, gli edifici unifamiliari è pari a 109.353,71, mentre l'investimento negli edifici funzionalmente indipendenti è pari a 96.226,66 euro.

di Davide Madeddu (da Quotidiano del Condominio del 03/02/2022)

L’amministratore di condominio ai tempi del coronavirus

L’amministratore di condominio ai tempi del coronavirus

L’amministratore di condominio ai tempi del coronavirus

La pandemia di coronavirus incombe su tutti noi e sta cambiando la percezione dei rapporti sociali.Anche in ambito condominiale le conseguenze dell’emergenza sanitaria stanno creando problemi amministrativi e gestionali di difficile soluzione.L’amministratore, come al solito è solo e  abbandonato a se stesso dal legislatore e dalgoverno.

 

La pandemia da corona virus incombe su tutto e su tutti.
Cosa fare? Come difendersi? Quale sarà il nostro domani? Come si vive chiusi in casa e soli con il timore di incontrare chi ci può contagiare? Quanto si può resistere in queste condizioni? Cosa avverrà ai redditi, alla produzione ed ai servizi?
Cosa accadrà a noi stessi, ai nostri cari, alle nostre famiglie e a chi ci vuol bene
Cosa ne sarà del condominio come lo ab-biamo conosciuto fino ad oggi?
Nell’immediato: come fare l’amministra-tore ai tempi del coronavirus?
Il futuro è incerto. Il presente tragico.
Proviamo a cercare qualche soluzione.

 

La gestione del condominio
L’imperativo “#IoRestoaCasa” ci ha resi reclusi, senza condanna, con interdizione ad uscire di casa.
Da lunedì 9 marzo 2020, sono attivi i controlli di Polizia per chi esce di casa senza motivi di lavoro, salute o per neces-sità.
Non esiste il divieto di uscire di casa, ma lo si può fare solo per esigenze lavorative, sanitarie o di sussistenza (fare la spesa per esempio).
Vista l'inosservanza palese e il comporta-mento irresponsabile di molti, il governo è corso ai ripari e ha previsto sanzioni sala-te e possibili denunce contro chi esce di casa senza comprovato motivo. Per il ma-lato da coronavirus che esce, sono previ-ste sanzioni penali salatissime.
Stretta anche su aeroporti e trasporti fer-roviari. Divieto di recarsi in un comune di-verso da quello di residenza.
L'appello delle autorità è a rispettare le normative, per dure che siano, nell’inte-resse individuale e collettivo.
Problemi quindi, anche per gli ammini-stratori di condominio.
In ordine alle attività produttive e alle atti-vità professionali sono state emanate di-sposizioni volte a contenere i contagi.
La norma che interessa tutti i servizi espletati nel condominio è l’art. 1 co. 1 n.7:
“In ordine alle attività produttive e alle at-tività professionali si raccomanda che:
a) sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agi-le per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
b) siano incentivate le ferie e i congedi re-tribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
c) siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla pro-duzione;
d) (si) assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza inter-personale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
e) siano incentivate le operazioni di sani-ficazione dei luoghi di lavoro, anche uti-lizzando a tal fine forme di ammortiz-zatori sociali”
Di tale elenco, le attività che vengono svol-te nell’edificio, esemplificando, sono:
1) lavascale;
2) elettricisti;
3) imprese di pulizia;
4) imprese edili;
5) altre imprese erogatrici di servizi, o che vendano beni di prima neces-sità, indispensabili.
Anche in relazione alle imprese di pulizia, si impone l’applicazione delle raccoman-dazione di cui all’art. 1, co. 1, n.7, lettera d, in ordine alle attività produttive e alle attività professionali, quindi si raccoman-da che “assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibi-le rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di con-tenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;”
L’adempimento Incombe sull’impresa.
L’indicazione che dev’essere comunque fornita dall’amministratore è che, l’impre-sa si astenga da ogni intervento in caso vi sia l’impossibilità, materiale, localizzata, di rispettare le misure. Per essere espliciti, se vi è affollamento o incontri non corri-spondenti alle misure di sicurezza o il per-sonale non sia munito dei presidi medici, si astenga dagli interventi.
Anche la pulizia delle superfici va effettua-ta con ogni cautela.
«A causa della possibile sopravvivenza del virus nell'ambiente per diverso tempo, i luoghi e le aree potenzialmente contami-nati da SARS-CoV-2 devono essere sotto-posti a completa pulizia con acqua e de-tergenti comuni prima di essere nuova-mente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l'uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia.
Per le superfici che possono essere dan-neggiate dall'ipoclorito di sodio, utilizzare etanolo al 70% dopo pulizia con un deter-gente neutro. Durante le operazioni di pu-lizia con prodotti chimici, assicurare la ventilazione degli ambienti.
Tutte le operazioni di pulizia devono esse-re condotte da personale che indossa DPI (filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, prote-zione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lun-ghe, e seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei DPI (svestizio-ne).
Dopo l'uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto. Vanno pulite con particolare attenzione tutte le superfici toccate di frequente, quali superfici di muri, porte e finestre, superfici dei servizi igienici e sanitari. …».


Lo studio dell’amministratore
Queste prescrizioni incombono sul condo-minio, con particolare riguardo al lavasca-le dipendente e al portiere ma egualmen-te incombono sullo studio dell’am-ministratore: occorre adottare le indica-zioni prescritte sia verso i terzi che all’interno dello studio, per i dipendenti.
Stessa accortezza per i rapporti dell’am-ministratore, quale rappresentante del condominio, datore di lavoro, verso lava-scale e portieri.
L’inadempienza comporta responsabilità civili e penali molto importanti.
In ragione dei rischi conseguenti, sino a quando non siano realizzate le racco-mandazioni, è consigliabile, ma non ob-bligatorio, sospendere l’attività.
E’ evidente quindi che, in assenza dei pro-tocolli di sicurezza anticontagio oltre che della sanificazione adeguata dei locali, gli studi professionali devono restare chiusi anche ai dipendenti, oltre che al pubblico, né sarebbe possibile pensare diversamen-te, vista la responsabilità che ne ricade a carico del datore di lavoro.
Quindi è necessario adottare nel singolo luogo di lavoro le indicazioni di cui all’art. 1, co. 1, n.7, lettera d, in ordine alle atti-vità produttive e alle attività professionali, dove si raccomanda di assumere protocol-li di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza in-terpersonale di un metro come principale misura di contenimento, l’adozione di strumenti di protezione individuale.
Il suggerimento è di adottare il lavoro agi-le, lo smart working, ma i DPCM non ci di-cono chi paga.
In questo modo spetta al datore di lavoro, se non è in grado di adeguarsi, sostenere il costo dell'emergenza.
Quindi se si decide in qualche modo di la-vorare o di fare lavorare i dipendenti in studio, si assumerà una percentuale di ri-schio maggiore rispetto ad ieri, in caso di contagio, ovviamente ognuno, consape-volmente, deve fare la propria scelta.
Certo è che occorre ripensare a tutta l'or-ganizzazione del lavoro tradizionale.
Indubbiamente l’adozione dello smart working, comporta un ripensamento della organizzazione del lavoro, oltre che note-voli costi iniziali.

Infatti:
1. occorre dotare tutti di notebook;
2. occorre trasferire tutti i dati in cloud;
3. occorre acquistare una versione nuo-va del gestionale con maggiori costi.
Occorre inoltre valutare che:
4. non tutti i collaboratori hanno a casa una connessione di rete adeguata;
5. occorre sopportare costi per istruirli su come si lavora da remoto.
Ci sono inoltre problemi oggettivi:
6. chi controlla il risultato prodotto?
7. chi controlla che il tempo dedicato dal collaboratore davanti al p.c. sia davvero solo per lavorare e non an-che, ad esempio, per chattare?
Esiste poi un problema di prospettiva:
8. quello dell’amministratore è un rap-porto di relazione e coordinamento che necessita di un rapporto stretto con collaboratori e condomini, ma anche di decisioni tempestive e cam-bi di rotta, da coordinare con lo staff;
9. per lavorare a distanza occorrerebbe digitalizzare gli archivi, con tempi che non sono immediati e indolori, co-munque la carta è indispensabile;
10. trasferire tutta l’attività in cloud e in smart working comporta costi notevoli quando, fra breve si spera, l’epide-mia finirà come si farà a rientrare dell’investimento?


A riguardo va però considerato che un in-vestimento in software ed attrezzature, se considerato solo dal punto ragionieristico di spesa a breve significa tirar fuori dei soldi e basta, se considerato in una ottica imprenditoriale diventa un investimento che può portare dei vantaggi:

a) non ho più bisogno di un ufficio gran-de, poiché la maggior parte dei di-pendenti lavora da casa;
b) i documenti digitalizzati sono dispo-nibili tutti e in cloud, ce li possiamo anche scambiare o condividere;
c) i pagamenti gestiti con mav elimina-no l'incasso in ufficio e finalmente ci evitiamo l’andirivieni di condomini;
d) i dipendenti che lavorano da casa ge-stiscono liberamente il loro tempo, possono occuparsi di anziani e bam-bini, guadagnano di più poiché non spendono soldi né per spostamenti né per baby sitter e badanti;
e) alla fine della “fiera” c’è possibilità che il rendimento dell’ufficio aumenti e i dipendenti abbiano un produttivi-tà maggiore, visto che non devono trascinarsi in ufficio, ogni giorno, con tutte le proprie preoccupazioni.
Per il contatto con i dipendenti è sufficien-te una piattaforma di video conferenza e il coordinamento sarà efficiente e garantito.

 

Le scadenze e le prospettive
Nonostante il governo, nei suoi decreti, abbia totalmente dimenticato il condomi-nio, il condominio non dimentica se stesso e l’amministratore.
Il problema, anche solo per l’ordinaria amministrazione sono l’assemblea (come e quando farla) ma anche i versamenti da parte dei condomini. Si pone infatti l’esi-genza materiale di poterli effettuare.
Proseguendo l'emergenza in Aprile e Mag-gio, potrebbero mancare anche i soldi e non la buona volontà. Servono dall'alto scelte difficili e lungimiranti.
Ci auguriamo che il Governo riesca a ri-mandare tutte le scadenze per qualche mese in modo da lasciare liquidità sui conti per poter sostenere tutti e ripartire!
Noi, nel ns. piccolo, dovremo fare tutto ciò che è alla nostra portata, ma usando buonsenso e intelligenza.
Si è fatto in questi giorni un gran parlare di assemblea online. Qualcuno ha propo-sto anche soluzioni fantasiose e al con-tempo pratiche: sicuramente ci sarà qual-cuno che pensa di pianificare le assem-blee davvero urgenti, in questo modo.
Occorre stare attenti infatti, attuando le soluzioni proposte, io vedo solo assem-blee, quantomeno, annullabili.
Fare l’assemblea in videoconferenza non è vietato, ma questo non vuol dire che sia possibile: occorre renderlo possibile.
Cosa che non si fa in modo improvvisato.
Occorrerà un po' di tempo per prepararci e preparare i condomini, ma se il governo non interviene a spostare i termini degli adempimenti obbligatori, sarà un modo per dimostrare ai condomini che, almeno ci abbiamo provato ad adempiere ai nostri obblighi, entro gg. 60 indicati dal Codice.
Per quanto mi riguarda sto preparando una guida che aiuti a risolvere tutti (spero) i problemi di una video-assemblea, sugge-rendo delle soluzioni che siano pratiche, ma in linea con l’ordinamento vigente.
Per fare un esempio: definito dall'ammini-stratore lo standard per la video conferen-za, i condomini si devono uniformare (esempio Zoom o Skype o Google).
Quanti sono in grado di uniformarsi con il proprio computer? Hanno tutti il compu-ter? etc? Penso alle persone anziane che di sera non vengono all'assemblea in par-rocchia, vicino a casa, figuriamoci colle-garsi con il PC, o con l'applicazione Meet di Google installata sul telefono.
Occorre trovare delle soluzioni esperibili. L'accesso all'assemblea deve essere ga-rantito a tutti anche a coloro che non hanno competenze informatiche purché sappiano usare il telefono.
Le problematiche connesse sono tante, ma solo alcune sono state prese in esa-me. Quindi andiamoci cauti prima di fare gli iper-modernisti!
Non è colpa dell’amministratore se sono vietate le assemblee e gli assembramenti.
La videoassemblea è una possibilità?
Certo, ma allora deve essere il legislatore a scriverlo, in un DPCM, con chiarezza e indicandone le modalità.
Sappiamo tutti che qualsiasi cosa faccia, per quanto possa prodigarsi nell’interesse dei condomini, l’amministratore sarà sempre attaccato, almeno dal Pierino di turno, e “messo in croce”.
E’ inammissibile che il luogo dove vive la stragrande maggioranza degli italiani, il condominio, sia ignorato e il “santo” che fa funzionare questo complesso istituto, l’amministratore, debba essere “crocifis-so”, invece che “beatificato”,
Pretendiamo rispetto e considerazione.
Abbiamo bisogno di un’autorizzazione esplicita a tenere aperto lo studio.
Le attività professionali non sono sospese. Occorre dichiarare il proprio ruolo profes-sionale, per non creare errati convinci-menti in chi controlla.
Suggerisco di mostrare anche la tessera di iscrizione all’associazione di categoria, ol-tre al proprio documento personale.
Non guasta neppure portare il verbale di nomina, nel caso di accesso al condomi-nio, per consentire a chi controlla di verifi-care la veridicità delle dichiarazioni rese.
Detto ciò, ovviamente, ciascuno ha una percezione individuale dei problemi.
Le assemblee sono importanti ma ancor più importante é la nostra e l’altrui salute.
Quello che abbiamo di fronte è una situa-zione ignota che richiede di adottare le di-fese più opportune.
L'esperienza cinese narra che il virus é in noi e che si ferma se noi ci fermiamo.
Là sono bastati due mesi a fermare il con-tagio. Qui da noi non lo sappiamo perché le occasioni di contagio non si riescono a fermare con la stessa facilità.
Certo dopo la pandemia nulla sarà più come prima e anche noi amministratori dobbiamo approfittare di questa occasio-ne per migliorare ed evolverci.
E’ altresì indispensabile un intervento le-gislativo che proroghi le scadenze obbliga-torie sancite dagli artt. 1130 e 1135 c.c.. Affrontare bene questo problema può es-sere una vera rivoluzione copernicana.
Il legislatore deve smetterla di ignorare il mondo del condominio, ma soprattutto deve prendere atto della centralità della nostra figura professionale e darci il giusto riconoscimento che meritiamo.

la formazione d'eccellenza per gli amministratori di condominio
la formazione d'eccellenza per gli amministratori di condominio
  • A-eon
  • B-elti
  • C-Gruppo-24ore
  • D-caf-nazionale-del-lavoro
  • E-delbo

    Contatti

    Leggi i Termini e le Condizioni

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy.